Eventi
Fondazione Arkad presenta la mostra “CAVA” visitabile nella sua galleria dal 28 luglio al 28 ottobre 2018.

Fondazione Arkad, da anni promotrice di attività artistiche e culturali, presenta la mostra “CAVA”, visitabile nella sua galleria dal 28 luglio al 28 ottobre 2018. 

La mostra ha come tema la cava di marmo vista come opera d'arte, da ammirare e tutelare, con l’obbiettivo di valorizzare ed apprezzare l’indiscutibile bellezza artistica ed il fascino da sempre emanato dalle montagne di marmo. Una tale visione verrà data da artisti di ambiti differenti (fotografi, scultori, pittori, video-artisti, architetti, designer, ecc.) che presenteranno un’interpretazione della cava filtrata dal loro sguardo.

          La mostra, organizzata da Fondazione ARKAD in collaborazione con il Comune di Seravezza e la Fondazione Terre Medicee, ha ricevuto il Patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Lucca, dei Comuni di Pietrasanta, Carrara e Stazzema, del Centro Internazionale di Studi Europei Sirio Giannini e del Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi.      Il progetto è stato realizzato con il contributo del Parco delle Alpi Apuane e della BCC Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana e grazie alle sponsorizzazioni della Fondazione Sem e delle aziende BLC Carrara, La Fenice Marmi, Blitz Graniti, Luana Marmi, Marmi Galleria Ravaccione, Trambisera Marmi, Dazzini Macchine, Pellerano Marmi e Studio Artco.

 Gli artisti che hanno aderito aprogetto sono numerosi: circa 100 opere saranno presentate nella mostra, che inaugurerà sabato 28 luglio alle ore 18,00 presso la Fondazione Arkad alla presenza di Riccardo Tarabella Sindaco di Seravezza e Presidente di Fondazione Terre Medicee, di Giacomo Genovesi Assessore alla Valorizzazione e Promozione del Territorio e di altre Autorità.    Durante il periodo di apertura della mostra saranno presentati alcuni eventi sul tema della cava di marmo vista come opera d’arte e momenti gastronomici di conoscenza delle tradizioni apuane.

Locandina evento scarica il pdf

Comunicato stampa scarica il pdf